Una storia della foresta: il ragno e la rana

6Un Anfibio ed un Aracnide vivono assieme in pochi cm quadrati. Una strabiliante relazione mutualistica dalla foresta pluviale Peruviana.

Di Francesco Tomasinelli ed Emanuele Biggi

Le rane hanno vita difficile nelle foreste pluviali del Sud America. Molte di esse sono predate da Serpenti ed Artropodi, specialmente dai Ragni, che sono grandi e particolarmente attivi durante la notte. Ma c’è una rana che ha sviluppato una peculiare relazione con alcuni Ragni. Si tratta del Microhylidae Chiasmocleis ventrimaculata, che vive anche in gran numero, vicino ed all’interno delle tane di alcune specie di migali.
Il ragno, una specie ancora non descritta di Theraphosidae del genere Pamphobeteus, tollera la rana e non la attacca mai. Altri Anfibi che passano nelle vicinanze della tana vengono immediatamente catturati, spesso dai giovani, che in questa specie rimangono con la madre per molti mesi senza alcun segno di cannibalismo. Questa curiosa relazione è uno dei pochi casi di mutualismo tra anfibi e ragni (ad esempio nei ragni Xenesthis immanis ed Aphonopelma) qui per la prima volta ritratta dettagliatamente.
I vantaggi per la Chiasmocleis sono ovvi. Non verrà attaccata da altri ragni o piccoli serpenti, la tarantola non tollera alcuna intrusione nella sua tana. Ed è possibile che l’Aracnide sia in qualche modo aiutato dalla presenza della rana, che preda piccoli parassiti (prevalentemente Ditteri) e possibilmente anche formiche che potrebbero ferire il ragno e le sue uova.

Un ringraziamento speciale a Rudi Von May, Alessandro Catenazzi, Maureen Donnelly, Nigel and Renata Pitman, Rick West e tutto il gruppo della stazione biologica CICRA Los Amigos nel bacino Amazzonico peruviano.